Torre del Castello

Fu costruito nel secolo XIII e fu dimora dei Signori di Cammarata sin verso la metà del secolo XVII. Idrisi nel suo Libro di Ruggero lo definisce così: “…ha un castello di alto sito, forte e difendevole, ed orti, giardini, frutti e abbondanza”. Oggi ne è visibile solo la torre, a seguito di crolli avvenuti in epoche diverse ed alcuni muri perimetrali, una parte dell’edificio centrale, oggi adibito ad istituto religioso.
Alla fine di una serie di dispute sulla proprietà tra il Comune e i signori feudatari, l’Amministrazione divenne proprietaria di una parte dell’immobile, la torre appunto che fu adibita a carcere fino agli anni 70.
In seguito l’intera struttura è stata considerata patrimonio architettonico da salvare, ed è stato oggetto fino a qualche anno fa di interventi di restauro e consolidamento. Oggi la torre, che è la parte meglio conservata, è utilizzata per l’allestimento di mostre e manifestazioni varie.